Mostre

Grazia Varisco. Sensibilità percettive

Che la sua inclinazione artistica fosse lontana anni luce dall’arte figurativa, Grazia Varisco, classe 1937, lo definì chiaramente fin dalle sue primissime opere. Fin da quel “Tema e svolgimento” (1957-1959) realizzato durante il suo apprendistato all’Accademia di Brera: un rotolo di carta caduto, un evento da indagare esteticamente. E le 17 opere in mostra nei contemporanei spazi della Fondazione Biscozzi Rimbaud raccontano proprio del percorso dell’artista da quegli anni fino al 2006 con la mostra, a cura di Paolo Bolpagni, “Grazia Varisco. Sensibilità percettive”. Un percorso rigoroso ma anche un po’ giocoso, multiforme ma coerente e “pacatamente tenace”, quello dell’artista reduce dalla Biennale di Venezia e da un’antologica a Palazzo Reale di Milano, che approda negli spazi leccesi con una selezione di opere utili a conoscerne la limpida e costante visione. La relazione spazio-tempo, quella tra il caso e il programma, il confronto tra gli opposti o i contrari, le dinamiche della transitorietà, dell’evento nel suo accadere, sono da sempre i cardini dei suoi lavori fin dall’adesione al cinetismo con il Gruppo T.

La mostra è visitabile fino all’8 gennaio.

Orari: 16-19; domenica 11-13, 16-19.

Biglietto: 5 euro (comprensivo della visita all’esposizione permanente della Fondazione).

Info: 0832/1994743.

Caratteristiche dell'appuntamento

Inizio 24-11-2022 4:00 pm
Luogo Fondazione Biscozzi Rimbaud
Categoria Mostre

Mappa località